News

Segre, Ferrario e Quatriglio tra i nominati al Nastro d’Argento doc

Sono state annunciate dal SNGCI (Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani) le cinquine dei candidati ai Nastri d’Argento 2015 per il documentario. Per il cinema del reale sono in lizza quest’anno: Come il peso dell’acqua di Andrea Segre, La zuppa del demonio di Davide Ferrario, Sul vulcano di Gianfranco Pannone, The Special Need di Carlo Zoratti e Triangle di Costanza Quatriglio.

MARAVIGLIOSO BOCCACCIO - Il Decamerone di Paolo e Vittorio

"Noi siamo toscani e Boccaccio è un compaesano con cui abbiamo vissuto dall'infanzia" dicono Paolo e Vittorio Taviani "ci ha camminato accanto per tanto tempo finché gli orrori del mondo, questo clima in Italia con la peste che sembra tornata viva, ci hanno suggerito che era il momento giusto" aggiungono i registi. Cast ricco con Arena, Cortellesi, Crescentini, Puccini, Riondino, Rossi Stuart, Smutniak, Scamarcio, Trinca. In sala da giovedì 26 con Teodora Film in circa 100 copie

"DE DJESS" Il nuovo corto di Alice Rohrwacher per Miu Miu

Girato al Lido di Venezia ha superato in una settimana 1 milione di visualizzazioni.

Enrico Lando

Regista e Sceneggiatore

Enrico Lando  è regista e sceneggiatore.

Dopo la laurea in economia si è formato professionalmente in Inghilterra.

Ha diretto per Taodue di Pietro Valsecchi il film evento del 2011 "I soliti idioti", con Fabrizio Biggio, Francesco Mandelli e Madalina Ghenea.

Tra i suoi lavori precedenti ricordiamo il film breve "It's a goat's life!" (presentato ai Festival di Venezia e Los Angeles) ed il documentario TV "Chi ga' vinto?" con  Marco Paolini, col quale ha vinto il Premio Internazionale del Reportage e Documentario al Festival di Mediterraneo di Marsiglia del 2009.

Per la televisione e' stato regista ed autore del seguitissimo programma televisivo New Music TV, UK nonché (in Italia) delle tre serie televisive de "I soliti idioti", fiction satirica andate in onda nel 2009, 2010, 2011 su MTV a cui si ispira l'omonimo film e il sequel "I 2 soliti idioti".